GOPMI
Crowdfunding

PERCHE' INVESTIRE IN PMI NON QUOTATE ED IN START-UP

Perché investire nelle imprese?

Al di là dei potenziali profitti che potrebbero derivare dall'investire in un portafoglio di aziende, gli investitori possono godere di alcuni vantaggi aggiuntivi derivanti dall'acquisto di attività in cui credono.

In primo luogo, è una possibilità per far parte della prossima grande cosa:scegliere imprese entusiasmanti, seguire i loro progressi man mano che crescono e ottenere credito e riconoscimento per essere stati una delle prime persone a individuarli .

In secondo luogo, contribuisci alla cultura dell'innovazione sostenendo gli imprenditori quando ne hanno più bisogno e dando loro la possibilità di far decollare nuove grandi imprese.

In terzo luogo, è un modo per essere coinvolti con l'innovazione in un'area a cui sei interessato o che ti appassiona e condividere il successo del business.

E, è l'opportunità di sostenere i tuoi amici e familiari nel loro entusiasmante nuovo business

In cosa stai investendo?

Investire nelle imprese (equity crowdfunding) significa scegliere aziende in fase iniziale e orientate alla crescita che si ritiene abbiano il potenziale per crescere. Tu investi denaro in loro in cambio di una parte del loro capitale, il che significa che tu acquisti azioni nella loro attività. Se un'azienda che hai investito ha successo, le azioni che possiedi diverranno più di quelle che hai pagato per loro, e potresti essere in grado di venderle con profitto o ricevere pagamenti di dividendi in futuro. Tuttavia, se l'azienda fallisce, come fanno molte aziende, perderai parte o tutto il tuo investimento.

Quali sono i principali rischi di investimento nelle imprese?

Ci sono tre ampi tipi di rischi quando si investono in imprese in fase iniziale e orientate alla crescita. Il primo è che l'azienda fallirà semplicemente - o anche che funzionerà senza mai riuscire davvero - e non recupererai i tuoi soldi.

Il secondo è che anche se l'attività ha successo, è probabile che il tuo investimento sia illiquido. Anche un investimento di successo sarà bloccato a lungo - spesso diversi anni - mentre l'azienda cresce. Ciò significa che è improbabile che tu possa vendere le azioni, e probabilmente non riceverai dividendi, nei primi anni del tuo investimento, indipendentemente dal successo che si rivelerà in seguito.

Infine, c'è il rischio di diluizione. Se l'azienda aumenta più capitale in un secondo momento (che le startup di maggior successo devono fare), la percentuale di capitale che si tiene in esso diminuirà rispetto a ciò che si aveva originariamente. La diluizione di per sé non è sempre una cosa negativa, ma è qualcosa di cui dovresti essere a conoscenza.

L'importanza della diversificazione

La chiave per investire con successo in imprese in fase iniziale e orientate alla crescita e mitigare i rischi sopra descritti è la diversificazione. La maggior parte delle aziende fallisce, ma i pochi che riescono possono farlo a tal punto da compensare le perdite. Ciò significa che, al fine di ottenere rendimenti elevati, è necessario aver investito in alcuni dei grandi vincitori. Le tue possibilità di farlo sono molto maggiori se si costruisce un portafoglio diversificato investendo piccole quantità in molte aziende piuttosto che in grandi quantità in pochi. E quando diciamo molti, intendiamo molti. Riteniamo che un portafoglio efficace dovrebbe includere almeno 20 aziende in fase iniziale e orientate alla crescita.

Uno dei motivi principali per cui abbiamo sviluppato GOPMI è stato quello di semplificare la creazione di un portafoglio diversificato di investimenti. Impostando il minimo di investimento molto basso, rendiamo possibile investire in molte aziende, non importa quanti soldi siete disposti ad investire.

Rendimenti accumulati

Il modo principale per guadagnare denaro dai tuoi investimenti è vendere le tue quote nelle aziende per più di quanto hai pagato per loro. Non esiste un mercato secondario attivo per le azioni delle pmi non quotate, il che significa che non sarà possibile venderle immediatamente. Tuttavia, se l'azienda cresce al punto in cui è conveniente quotarla in Borsa, viene acquistata da un'altra società o effettua un riacquisto di quote, è probabile che sia in grado di vendere le proprie quote - spesso con un profitto significativo - in quella fase.

In alternativa, alcune aziende potrebbero iniziare a pagare dividendi. Ciò può verificarsi se l'azienda ha raggiunto la redditività, ma non prevede di continuare a crescere in modo significativo;